Les silicones – l’or noir de la cosmétique

Silicio es.
È un ingrediente particolarmente controverso di cui si sente molto parlare. Negli ultimi anni, l'industria cosmetica ha cercato di vietarlo, ma è ancora ampiamente utilizzato e apprezzato dai suoi consumatori.

Sono buoni o cattivi? Perché si trovano in quasi tutti i nostri prodotti? Ti diciamo tutto!

Odoo CMS - una grande immagine

                        Quali sono le diverse famiglie di siliconi?


                        Ci sono cinque tipi :

                        Uccelli : questi hanno diverse caratteristiche comuni. Inizialmente sono sintetici e quindi non ammessi nei prodotti biologici. Si crede anche che siano forti perturbatori endocrini per accumulo e persistenza nell'ambiente. Stanno vivendo una restrizione in paesi europei. Agiscono come agente per la cura della pelle, balsamo per capelli, ma anche emolliente per la pelle o addirittura solvente .

                        Fluidi : anche questi sono sintetici. Non conoscono alcuna restrizione particolare. Non sono molto biodegradabili e il loro impatto sul pianeta sia dal punto di vista della loro fabbricazione che del loro rilascio in natura non è insignificante. Possiedono le stesse azioni degli uccelli .

                        Gomme da cancellare : la più conosciuta è dimeticone. Sintetico, non conosce alcuna restrizione particolare. Inoltre è poco biodegradabile e svolge le seguenti azioni: antischiuma, emolliente e idratante.

                        Elastomeri : sono anche sintetici e poco o per niente biodegradabili. Come i liquidi e le gengive, non hanno restrizioni di per sé. Sono noti per le loro proprietà come agente di controllo della viscosità, fissativo per capelli e stabilizzatore dell'emulsione.

                        Resine : sintetiche, trovano largo impiego per le loro azioni antischiuma, emollienti e opacizzanti.
                        Texte Odoo et bloc d'image

                        Per favore a tutti i costi

                        Tutto parte da una constatazione: in un mercato ultra competitivo è difficile per i brand trovare un posto per se stessi. Per convincere i clienti a testare un prodotto, è prima necessario attirare l'attenzione: da qui gli sforzi investiti nel packaging e nella comunicazione e nel visual pubblicitario.

                        Poi arriva il secondo step, altrettanto cruciale: il test in-store . Ora è il momento per il marchio di fare tutto il possibile per sedurre, stregare e far venire voglia di acquistare - e tutto si basa sull'odore e sulla consistenza !

                        Sì, perché l'efficacia a lungo termine di una crema purtroppo non si rileva a prima vista... Un grande sforzo di ricerca è stato quindi dedicato alla qualità sensoriale dei prodotti. Ed è qui che entrano in gioco i siliconi. Un vero prodotto miracoloso, forniscono tutto ciò che si cerca in un prodotto: una consistenza morbida e setosa per le creme, una buona tenuta per il trucco, un effetto levigante per i capelli...

                        Odoo image et bloc de texte

                        Cosa dice la scienza?

                        I siliconi forniscono tutto ciò che cerchiamo in un prodotto. Dal punto di vista sensoriale sì, ma assolutamente non dal punto di vista funzionale! I siliconi non fanno nulla per la pelle o per i capelli. Non si nutrono, non proteggono, si depositano solo in superficie. Tendono persino a seccarsi e devono essere combinati con altri ingredienti per compensare il disagio che possono creare. Danno l'illusione della salute all'esterno mentre soffocano dall'interno.

                        Il D5 e il D4 sono i siliconi più comuni nei cinque tipi sopra elencati. D5 non è considerato un interferente endocrino. Il suo utilizzo nei prodotti cosmetici è sicuro.
                        Sono state adottate misure da esperti europei per limitare il rilascio di D5 nell'acqua. La sua rapida evaporazione e la sua degradazione sotto l'azione dei raggi UV spiegano la mancanza di restrizione del suo utilizzo nei prodotti leave-on.

                        Tuttavia, D4 è classificato nell'UE come tossico per la produzione . Pertanto, il livello di impurità del ciclotetrasilossano (D4) come impurità del ciclopentasilossano (D5) dovrebbe essere mantenuto il più basso possibile.

                        Restrizioni su questi due componenti nei prodotti per la cura personale da risciacquare sono state messe in atto come parte del Reach regolamento a causa di un problema ambientale. Infatti, non sono biodegradabili nell'acqua e nei tessuti biologici , causando tossicità per gli organismi acquatici.

                        Quindi, bene o male?

                        I siliconi sono stati a lungo considerati innocui per mancanza di studi. Tuttavia, non sono benefici per il nostro organismo… Ma è per il loro impatto sull'ambiente che sono i più criticati! I siliconi sono molto difficili da biodegradare e se si pensa alla quantità di acqua caricata con residui di shampoo ecc. che ritorna all'ambiente, possiamo immaginare l'accumulo che questo può rappresentare. Alcuni siliconi sono stati identificati come tossici per gli organismi acquatici e potenzialmente cancerogeni per l'uomo.

                        Per un trucco che dura tutto il giorno e per una cura dei capelli che doma perfettamente i capelli, niente batte l'efficacia dei siliconi. Per proteggere il nostro ambiente dall'accumulo di "microplastica"e come principio di precauzione per l'impatto sulla nostra salute, è meglio evitare i siliconi nei prodotti di bellezza. 

                        Come rilevarli sulle etichette? Questi sono generalmente ingredienti i cui nomi terminano in "-thicone" o "siloxane" . Quindi ora tocca a te! Riprendi il controllo, scegli gli ingredienti che fanno per te!

                        È il tuo turno ;) 

                        Condividi l'articolo

                        Lascia un commento

                        Devi essere autenticato per inviare un commento.