Dovresti proteggere la tua pelle dai raggi UV in inverno?

Se molte persone stanno attente a mettersi la protezione solare in estate, il riflesso in inverno non è così scontato e le creme solari sono anche molto meno in evidenza nei negozi in questo periodo.


Quindi cosa dovresti davvero fare in questa stagione? Questo articolo è qui per rispondere a questa domanda.

Cos'è l'UV?

La radiazione solare è composta principalmente da cinque raggi :


  • infrarossi

  • luce visibile

  • Ultravioletto

  • Raggi X

  • Raggi gamma

Tuttavia, le radiazioni UV sono pericolose per il nostro organismo e possono essere emesse sia dal sole che da fonti artificiali come una lampada abbronzante.

Sono completamente invisibili all'occhio umano e non danno alcuna sensazione di calore. La radiazione infrarossa è responsabile di questo.


Esistono due tipi di radiazioni UV: UVA e UVB . I raggi UVA sono poco filtrati dall'atmosfera e rappresentano il 95% dei raggi UV, mentre i raggi UVB sono meglio filtrati.

Tuttavia, entrambi presentano rischi per la salute deleteri accelerando l'invecchiamento della pelle, causando scottature, iperpigmentazione e persino il cancro della pelle.

Immagine Odoo e blocco di testo

E d'inverno?

In inverno i raggi UVB, responsabili delle scottature , diminuiscono, spiegando la marcata diminuzione delle scottature, ma i raggi UVA sono ancora presenti! Sebbene non brucino tanto quanto i raggi UVB, sono comunque responsabili dell'invecchiamento della pelle con progressivo deterioramento e comparsa di macchie brune .


In inverno la nostra pelle è molto più fragile poiché si è disabituata all'intensità dei raggi e ha perso la sua abbronzatura. Inoltre il freddo maschera la sensazione di calore che il sole dona alla nostra pelle ed è una vera e propria trappola per le scottature. Il naso, il collo, l'orecchio sono particolarmente i bersagli in questo momento.


Pensiamo, erroneamente, che la presenza delle nuvole in inverno filtri completamente il passaggio dei raggi UV. Un cielo nuvoloso, ad esempio, consentirà il passaggio dal 90 al 95% dei raggi UV . Questa percentuale varia a seconda dello spessore delle nubi: un cielo molto carico di nubi, scuro e tempestoso non permetterà il passaggio delle radiazioni.  


Maggiore è l'altitudine, minore sarà l'atmosfera che assorbe la radiazione UV. Per ogni 1000 m di dislivello, l'intensità UV aumenta del 10%.

L'erba, l'acqua o il terreno riflettono solo meno del 10% dei raggi UV. La neve raddoppierà l'esposizione di una persona.

Dovresti anche ricordarti di proteggere i tuoi occhi, che sono particolarmente sensibili a questo fenomeno. Infatti, la radiazione infrarossa (responsabile della sensazione di calore), può bruciare le palpebre, seccare la cornea ed essere responsabile dell'affaticamento degli occhi.

 

Come proteggersi dai raggi UV in inverno e in montagna?

In montagna, la protezione solare è essenziale e va applicata 2 o 3 volte al giorno. Dovrebbe essere applicato un minimo di SPF 30 per garantire una protezione adeguata. Pensate bene al balsamo labbra con protezione solare inclusa per evitare l'aggressione di questa parte del corpo spesso dimenticata.


Inoltre, occhiali da sole o occhiali da sci saranno fondamentali per proteggere i tuoi occhi. Assicurarsi che gli occhiali abbiano il marchio CE con categoria di protezione 3 o 4.


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Devi essere autenticato per inviare un commento.

  • Bubalo Tatiana il 02/12/2022 22:41:44

    Bonjour,
    Je me pose la même question. Peut on ajouter un filtre UV dans la crème de jour ? Merci,

  • Marine BENYAHIA il 06/02/2022 15:01:25

    Bonjour,
    comme le message précédent, j'aimerais savoir s'il est possible d'ajouter un filtre UV dans nos recettes? Merci à vous!

  • de Soras Claire il 28/01/2022 11:56:40

    Merci pour l'article qui ne fait que renforcer ma conviction sur le sujet. Mais j'étais habituée à avoir filtre UV dans ma crème de jour. Peut-on rajouter ceci à nos crèmes de jour BeautyMix ? Merci !